Festa dei cresimandi/cresimati Diocesi di Taranto

Testimonianza dei genitori di Pierangelo a Taranto
29 Maggio 2019

Festa dei cresimandi/cresimati Diocesi di Taranto

Parrocchia Spirito Santo Taranto

“I santi della porta accanto
compagni di strada dei giovani”

Nella chiesa dello Spirito Santo, pomeriggio di festa con l’arcivescovo che ha incontrato coloro che quest’anno hanno ricevuto o stanno per ricevere il sacramento della confermazione

Si è svolto nel pomeriggio di sabato primo giugno l’incontro annuale dell’arcivescovo con i ragazzi e le ragazze che in quest’anno hanno già ricevuto o stanno per ricevere il sacramento della confermazione.
La chiesa parrocchiale dello Spirito Santo (zona Taranto 2), attraverso il parroco don Martin Mastrovito, ha accolto i numerosi partecipanti, giunti dall’intera diocesi ed accompagnati dai catechisti, per celebrare un festoso pomeriggio di lode e preghiera.

L’ Arcivescovo Mons. Filippo Santoro e Don Lucangelo De Cantis, direttore dell’ufficio catechistico

Partendo dalla pagina evangelica dell’incontro con Marta e Maria, l’arcivescovo mons. Santoro ha spiegato che Marta accoglie Gesù mentre Maria invece ascolta Gesù: due atteggiamenti ugualmente importanti, ma che l’ascolto è più importante. Questo è il cammino della santità: accogliere il Signore e ascoltarlo, come hanno fatto i testimoni luminosi presentati durante il pomeriggio, i nostri “santi della porta accanto”. Bisogna saper accogliere e ascoltare anche quanti ci sono vicini, questo trasforma anche il dolore: non saremo mai soli. Rivolto ai cresimandi l’arcivescovo ha poi ribadito l’invito alla preghiera e al servizio per essere veri testimoni di Gesù, rinforzati dai Santi Sette Doni dello Spirito Santo.
Don Lucangelo De Cantis, direttore dell’ufficio catechistico diocesano, ha introdotto i presenti alla preghiera sottolineando la bellezza di una Chiesa che si ritrova intorno al suo pastore come comunità viva e giovane. Egli ha voluto poi rivolgere un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno impiegato tempo e energie per la realizzazione dell’incontro: i ragazzi e le ragazze, che hanno accettato volentieri la proposta dei loro catechisti, lavorando per lungo tempo alla realizzazione dei canti e dei segni. Un saluto particolare don Lucangelo lo ha rivolto ai genitori, ai giovani e agli adulti che quotidianamente nelle parrocchie accompagnano i ragazzi nel percorso di conoscenza della fede.

In effetti, ci dice Luca Russo, dell’équipe diocesana dell’Ufficio per la catechesi, si può dire riuscito il tentativo di coinvolgere i gruppi parrocchiali nell’organizzazione di un evento così importante. Nonostante le numerose difficoltà nel motivare tutti i gruppi, molte parrocchie si sono attivate fin dai mesi invernali, scegliendo il testimone della fede e preparando testi, musiche e coreografie. L’ispirazione che si è poi concretizzata nell’incontro odierno, ha proseguito Luca, è nata dalle parole proposte dall’arcivescovo mons Filippo Santoro a San Giovanni Rotondo lo scorso settembre: “La parrocchia è la palestra della santità della porta accanto. […] Ogni parrocchia cerchi di praticare la santità con la parrocchia accanto, ogni prete con il prete accanto, ogni comunità religiosa con la comunità affianco, perché se tante volte avvertiamo un senso di stanchezza e disincanto è perché accanto non scopriamo nostro fratello, nostra sorella, il dono di Dio a ciascuno. Inizialmente si pensava ad un musical ma poi si è preferita una forma più agile a livello organizzativo. Probabilmente i più preoccupati della riuscita dell’evento erano i catechisti, i ragazzi invece hanno subito dimostrato la loro disponibilità e, alla fine, l’entusiasmo è stato comune a tutti. Le comunità parrocchiali che hanno risposto all’appello dell’Ufficio catechistico sono state oltre sessanta e poi, in tempi e modi diversi, alcune hanno organizzato e condiviso la propria riflessione, animando la storia di sei giovani uomini e donne del nostro tempo: Paola Adamo – vicarie Taranto Borgo, Orientale 1 e 2, Sud, Tamburi; Pierangelo Capuzzimati – vicarie Pulsano e San Giorgio; Matteo Farina – vicaria Grottaglie; Chiara Corbella Petrillo – vicaria Taranto Paolo VI; Carlo Acutis – vicarie Martina Franca, Crispiano, Statte; Chiara Luce Badano – vicaria Talsano.

I lavori dei ragazzi delle diverse Parrocchie

Al termine dell’incontro, una catechista ha voluto raccontare come i cresimandi hanno vissuto la preparazione e la celebrazione della festa: si tratta di Rosa Lenti che svolge il compito di catechista della tappa crismale nella parrocchia del Carmine di Grottaglie. “Ci siamo riuniti la prima volta a gennaio scorso- ha esordito Rosa- scegliendo di raccontare la vicenda di Carlo Acutis, l’’infiltrato di Dio tra i giovani’. Nel mese di marzo, durante le catechesi quaresimali, abbiamo avuto modo di ascoltare la testimonianza della postulatrice della causa di beatificazione, che ha parlato di alcuni testi di Carlo, dai quali abbiamo preso spunto per la testimonianza da preparare. Poco alla volta anche altre comunità si sono unite prendendo parte anche all’incontro di festa. Per noi è stato un modo diverso di coinvolgere i cresimandi che ci ha dato la possibilità di confrontarci con altre realtà”.
Al termine dei vari momenti di ascolto, i cresimandi hanno rinnovato la professione di fede di fronte all’arcivescovo, preparandosi a vivere la celebrazione del sacramento nelle proprie comunità parrocchiali. Molta emozione ha suscitato la presenza di alcune persone direttamente interessate dalle testimonianze proposte dai ragazzi: i genitori di Pierangelo Capuzzimati e la mamma di Paola Adamo di cui è iniziata la fase diocesana del processo di beatificazione.

Articolo completo sul settimanale Nuovo Dialogo della Diocesi di Taranto

Link utili: 

http://www.diocesi.taranto.it/

http://www.nuovodialogo.com/index.htm

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *